domenica 22 gennaio 2012

Shame


Titolo Originale: Shame
Titolo Italiano: Id.
Regia:
Sceneggiatura: Steve McQueen  e  Abi Morgan
Musica: Harry Escott
Fotografia: Sean Bobbitt
Durata: 100'
Anno: 2011
Interpreti:



Trama: Brandon è un trentenne di successo che vive in un confortevole appartamento di New York. Per evadere dalla monotonia della vita d'ufficio seduce le donne, dividendosi tra una serie di storie senza futuro e incontri di una notte. Il ritmo metodico e ordinato della vita di Brandon, però, entra in crisi con l'arrivo imprevisto di sua sorella Sissy, ragazza ribelle e problematica. La sua presenza dirompente spingerà Brandon a inoltrarsi nelle pieghe più oscure dei bassifondi di New York, per sfuggire al difficile rapporto con la sorella e ai ricordi che risveglia in lui.


Brandon (un Fassbender incredibile) è bello, un uomo di successo, ma è un uomo malato, affetto da bulimia da sesso, un'idea che lo tormenta continuamente. Giudicare un film come Shame non è facile. E' duro, esplicito, forse fin troppo, oppure no. Diciamolo subito non è un film per tutti i palati e bisogna approcciarsi alla sua visione consapevoli di cosa ci si appresta a vedere. Nei cento minuti che scorrono sullo schermo, nonostante le molte scene esplicite, non c'è niente di erotico o sensuale. A lungo andare l'atto sessuale provoca nello spettatore un senso di fastidio e disgusto. Il protagonista segue un percorso interiore che lo porta ad un autodistruzione di se stesso. A far scattare la scintilla è la sorella Sissy (un altrettanto stupenda Mulligan), il suo arrivo interrompe la routine del fratello costretto a scontrarsi con i suoi mostri nei bassifondi di New York. Lei è il suo opposto, è alla continua ricerca dell'amore, le basta un bacio, una notte per affezionarsi ad una persona, anche se questa è palesemente non interessata a lei per una relazione duratura.
Il loro rapporto lascia in superfice qualcosa di nascosto e misterioso, un passato ed un'infanzia probabilmente difficile, che rilascia i suoi strascichi nel loro modo di essere nel presente e nella loro psicologia complessa e alienata.
Brandon è quasi gelido, cerca sempre di non far trasparire sentimenti, li evita, li rifugge, e sono rari i momenti in cui questi riescono a scalfirlo, affiorando improvvisamente attraverso una lacrima o la consapevolezza dell'impossibilità ad avere una relazione stabile.
Il subentrare dei sentimenti innesca in lui un blocco interiore che lo porta perfino all'incapacità nel compiere un atto sessuale a cui è abituato. Per lui il sesso è una mera valvola di sfogo dove esiste unicamente l'atto fisico. Brandon vive in una prigione mentale che lo porta a raggiungere a sopportare qualsiasi compromesso pur di soddisfare il suo bisogno. Con il passare dei minuti McQueen ci porta sempre più giù, in un inferno sessuale sempre più esplicito culminante in una sequenza estenuante e, forse, eccessiva, provocando un senso di fastidio che di erotico e sensuale non ha niente.
Ma a conti fatti qual è la vergogna di cui ci vuole parlare il film? Quello di un personaggio dedito a qualsiasi tipo di pratica sessuale? Quella di un personaggio che si vergogna di quello che fa? Del suo modo di essere? O c'è un significato legato a Brandon ben più nascosto?
Il finale sembra moralistico, ma quel taglio di netto del viso di Fassbender mentre osserva la mano della ragazza nel metrò, lascia più di un dubbio su una possibile redenzione, che potrebbe essere tramutata in una nuova consapevolezza di se stesso.



 La frase: "Brandon, sono Sissy. Ho bisogno di parlare con te. Rispondi a quel cazzo di telefono. Brandon, ho bisogno di te. Noi non siamo cattive persone, è solo che veniamo da un brutto posto. Grazie di avermi fatta restare..."


Il trailer:


Il film è
Voti:
35mm: 4 / 5
Best Movie:  4 / 5
CinemaDelSilenzio: 5,75
Cinematografo: 2 / 5
FilmScoop: 6
FilmTV: 4 / 5
IMDB: 8
MoviePlayer: 8,3
MyMovies: 3,66 / 5
Spietati: 7,69
MIO: 7,5

1 commento:

Anonimo ha detto...

The articleice Machines introduces:This article about How To Buy Commercial Ice Machines For Restaurant,With the introduction of cutting edge and innovative technologies, a commercial ice machine is no longer a bulky device producing insanitation, consuming a lot ...

If you need more ice Machines infomation about How To Buy Commercial Ice Machines For Restaurant, Click here to find.

With the introduction of cutting ice Machines edge and innovative technologies, a commercial ice machine is no longer a bulky device producing insanitation, consuming a lot of energy, making noise, and taking a lot of time to make the needed supply of ice. As a result of high end technologies, commercial ice machines are able to achieve “being green” the highest levels of energy and water conservation. Now a commercial ice machine can easily produce from 65 pounds to 2,000 pounds of ice cubes in a day. You can find varied shapes of ice cubes such as dice, half dice, octagon, crushed, nugget, and flake.

Commercial ice machines are the standalone units,ice Machines designed to produce large quantities of ice for various commercial purposes. Once installed, these commercial ice makers are pretty automatic and do not need much attention from you or your staff. These factory-made machines consist of a condensing unit and ice-making section that operates as an integrated unit to make ice, an ice bin or a storage unit to store the created ice and a dispensing unit to dispense the ice out of the machine. Many automatic ice machines use moving water to create an improved quality of ice cubes. They work on the principle of “faster the water moves the better the ice quality becomes”. In this process, the air and un-dissolved solids get washed away. This results in pure and clear ice production.

Large amounts of ice are demanded for various purposes in many ice Machines commercial entities such as Restaurants, Bars, Ice Cream Parlors, Bakeries, Country Clubs and Golf Courses. A commercial ice machine is the perfect choice for such places as the large quantity of ice also needs to be a certain quality as well. Automatic commercial ice machines will make plenty of ice of equal size in a short span of time. All you need to do is just start the machine and set the required functions, and leave the rest up to the machine. You will get good quantity of quality ice in a short amount of time. In addition, many commercial ice machines come with a self cleaning function. This will help maintain the quality and quantity if the produced ice while decreasing the time that you and or your staff must spend with the machine.

Keep in mind that there are two varieties of ice machines: air cooled and waterice Machines cooled. Air cooled ice machines use air to disperse the heat, whereas water cooled ice machine uses water to do the same function. Air cooled ice machines use more energy and also are much noisier than water cooled ice machines. However, they are more affordable than water cooled ice machines.

An assorted collection of wonderful, fast and energy efficient commercial ice makers are readilyice Machines available in the market. Various renowned and reliable manufacturers have come up with their unique range of these amazing machines. Numerous models that create different types and sizes of ice are available in the local and online market. A competitive urge of creating more efficient and cost effective ice machines, has left the customers and consumers with a distinctive variety of these units in which to choose.

Visualizzazioni totali